Le Case della Provincia Romana


Firenze

Collegio Alla Querce


Gli atti della Casa |  L'Archivio

I Barnabiti a Firenze, sin dal 1629 avevano fondato una casa presso la chiesa di S. Carlino, ove oltre il ministero sacro da loro con gran zelo amministrato, aprirono in progresso di tempo anche una scuola di belle lettere.
I Padri durarono nell'estimazione universale sino al 1783, nell'estate del quale anno il Granduca di Toscana Leopoldo II, con atto di un dispotismo sacrilegamente violento volle sopprimere tutti gli ordini religiosi nei suoi Stati, e così anche i collegi nostri della provincia di Etruria, come Pisa, Pescia, Livorno; così venne soppressa la casa di Firenze.

Un secolo dopo i Barnabiti sarebbero riapparsi in Firenze, non in un modesto cenobio, ma in uno splendido e grande Collegio - Convitto. Qui io non voglio dilungarmi a parlare di tutte le particolarità che condussero alla fondazione del Convitto Alla Querce; ultimamente il P. Boffito ne scrisse egregiamente al proposito. Pei nostri cenni basti dire che la fondazione ebbe luogo l'anno 1867.
Noteremo che la sua nascita avvenne in un momento in cui accanita furoreggiava in tutta l'Italia la distruzione degli Ordini religiosi; una fiducia illimitata nella Provvidenza di Dio fu l'anima di questa fondazione. Le spese d'impianto vennero sostenute dalla Provincia Romana, dai PP. Provinciali Notari ed Albini.
Il Collegio - Convitto ebbe dapprima sua sede nella Villa Caglieri in Pian di Ripoli, finché nel 1868 per opera principalmente del P. Luigi M. Cacciari, il Convitto si trasportò nella grandiosa Villa detta Alla Querce, dove essa ha stabile stanza, trionfalmente di bene in meglio progredendo sino al presente.

(L. Levati, Provincia Romana e Napoletana dei chierici Regolari di S. Paolo detti Barnabiti - Notizie Cronologiche e Biografiche - Genova 1924)

__________________

Nel 2005, dopo alcuni anni di chiusura della Scuola, l'immobile Alla Querce, è stato alienato.